I componenti di Aurastop

 

AURASTOP E' A BASE DI   Partenio, 5-HTP  da Griffonia e Magnesio

AURASTOP, coniugando l’azione dei tre componenti 5-HTP, Mg e PARTENIO, è in grado di ottenere un’azione sinergica.  Il PARTENIO contrasta gli stati di tensione localizzati; la GRIFFONIA sostiene il normale tono dell’umore, rilassamento e benessere mentale; il MAGNESIO contrasta stanchezza e affaticamento contribuendo al normale funzionamento del sistema nervoso, all’equilibrio elettrolitico e all’efficace gestione della trasmissione nervosa.

  


L’emicrania

Ci sono numerose forme di Cefalea ma quella più comune e invalidante è L’EMICRANIA che colpisce quasi 10 milioni di persone in Italia in modo episodico ma che per più di 7 milioni di pazienti diventa una forma frequente fino a divenire anche persistente e quindi cronica.

Numerosi studi epidemiologici dimostrano che l’emicrania colpisce circa il 15-18% delle donne ed l' 8-12% degli uomini nel corso della vita, con un picco di prevalenza nel periodo di maggiore produttività, tra i 25 ed i 55 anni. Il carattere disabilitante della cefalea ne fa una malattia Sociale.

L’OMS ha inserito l’emicrania fra le 10 malattie più’ disabilitanti. Circa 1/4 dei pazienti emicranici sono affetti da emicrania con aura, cioè’ più di 2.5 milioni di persone in Italia.


L’emicrania con Aura

AURA VISIVA

L’aura tipica è rappresentata da sintomi visivi. Lo sviluppo graduale, la durata non superiore a un’ora, la presenza di sintomi positivi e negativi e la completa reversibilità sono le caratteristiche che identificano l’aura. La variante visiva rappresenta il tipo di aura più comune e si manifesta usualmente sotto forma di spettri di fortificazione, con figure a forma stellata inizialmente vicine al punto di fissazione e che gradualmente diffondono a destra o a sinistra, assumendo forma convessa lateralmente con bordi angolati scintillanti che lasciano nella propria scia scotomi assoluti o relativi di vario grado. In altri casi è presente scotoma senza fenomeni positivi, ad estensione graduale..

AURA SOMATOSENSORIALE

Seguono a volte dei disturbi sensitivi per lo più a tipo “punture di spilli”, che si diffondono lentamente dall’estremità di un arto fino ad interessare unilateralmente un’area più o meno vasta del viso.

AURA COMPLESSA

Meno frequentemente dopo i disturbi sensitivi compaiono disturbi del linguaggio, per lo più rappresentati da afasia cioè da difficoltà ad esprimere i propri pensieri o semplici parole.

1/5 dei soggetti emicranici sono affetti da emicrania con aura. I sintomi usualmente compaiono in successione: dapprima i disturbi visivi, seguiti da quelli sensitivi e da afasia, ma l’ordine di comparsa può essere anche inverso o seguire un’altra sequenza, quasi sempre segue una crisi di emicrania per lo più simile a quella di cui i pazienti hanno esperienza abituale, ma a volte l’aura non è seguita da dolore.